Il papiro di Ebers

Il Papiro di Ebers

Una pagina del Papiro di Ebers

Il Papiro di Ebers è stato scritto intorno al 1550 a.C. a Tebe, in Egitto. Si tratta di un compendio di 876 rimedi, farmacopea e formule catalogate allora. Il papiro descrive le malattie, i loro sintomi, diagnosi, trattamenti, prescrizioni, la preparazione e la somministrazione dei rimedi. Preghiere e incantesimi spesso accompagnano le ricette.
Il papiro di Ebers è stato trovato a Tebe nel 1862 e fornisce un prezioso materiale storico sulla pratica medica degli antichi egizi. L’hennè è uno dei 400 rimedi fra piante, minerali e parti di animali, usati per creare la farmacopea del Papiro Ebers, di cui ne specifica sette tipi in base a dove è stato raccolto ed alla età della pianta ed i suoi usi sono coerenti con quello che sappiamo dell’ henné ai tempi odierni: ha diversi livelli di lawsone durante i diversi periodi di crescita del suo ciclo di vita e secondo il terreno e l’umidità disponibile.
Le foglie, seccate e polverizzate, sono utilizzate in cosmesi, medicina ed anche nelle cerimonie religiose musulmane. Gli arabi usano l’henné per tingere cuoio e legno e, con l’aggiunta di sol fato ferroso e allume, per conferire un colore nero molto apprezzato alla seta.

La farmacopea specifica sette forme di henné in base a dove è stato raccolto ed alla età della pianta.