Guida all'applicazione di erbe per capelli

APPROFONDIMENTI

L’utilizzo della lawsonia inermis sul capello, e grossomodo di tutte le miscele di erbe riflessanti o tintorie, presuppone delle regole standard da osservare per ottenere risultati ottimali. Certo è che l’esperienza e la sensibilità sono l’unica vera guida al suo pieno utilizzo. Infatti ogni capello è un capello (da questo punto di vista siamo come fiocchi di neve) e risponderà in piccola parte a modo suo in termini di colorazione e riflesso. Per questo motivo, l’utilizzo delle erbe diventa una vera e propria arte perché frutto dell’occhio e della mano di chi ne fa uso.

IL PROCEDIMENTO DI APPLICAZIONE È MOLTO SEMPLICE, BASTA SEGUIRE 4 FACILI REGOLE

Fare la pastella mescolando la polvere riflessante scelta e l’acqua molto calda, preferibilmente non utilizzando materiale metallico per la preparazione, soprattutto se di vecchia data, ossidato o rovinato. Mantenere il composto abbastanza compatto, per poi allungarlo eventualmente in un secondo momento con aceto o yogurt o limone (a seconda del capello o della preferenza d’uso) fino a ottenere una consistenza cremosa e senza grumi, tale da non essere né troppo densa, né troppo liquida. Si può a questo punto lasciare ossidare la pastella per un tempo variabile da 1 a 6 ore.
La fase dell’ossidazione consentirà alla pastella la formazione completa dei pigmenti coloranti vegetali già nella ciotola. In molti ritengono questo passaggio inutile, in quanto il processo ossidativo ugualmente avviene poi sia su chioma durante il tempo di posa, che sul capello dopo il trattamento. Si può notare infatti come la riflessatura prenda di solito piena intensità nelle 48 ore successive al trattamento. Noi consigliamo però un’ossidazione preventiva durante la preparazione (anche se breve) al fine di far virare e prendere pieno colore già nella pastella prima della messa su testa, onde evitare riflessi più tenui sul vostro capello che poi prendono corpo il giorno dopo (soprattutto in miscele in cui sia presente l’Indigofera). L’acidificazione della pastella (nel caso di limone, aceto o yogurt) è un atto fondamentale invece nel rito preparazione/applicazione, perché permette un legame più forte e duraturo fra le fibre del capello ed i principi tintori vegetali delle piante.

Su capello delicatamente deterso una sola volta ed appena umido, si inizia a stendere la crema ottenuta dalla nuca verso l’alto, dalle radici verso le punte. Dopo aver steso la pastella di erbe uniformemente su tutta la capigliatura, avendo l’accortezza di coprire il tutto con un velo di plastica per alimenti o carta stagnola, lasciare in posa da un minimo di 3 minuti a un massimo di 90 minuti*; si può accelerare il processo di presa, utilizzando il casco a vapore.

Consigli: per proteggere la pelle in prossimità dell’attaccatura dei capelli è possibile spalmare uno strato di crema idratante nelle zone interessate (solitamente sul contorno della fronte e sul retro delle orecchie). La crema farà da schermo evitando la colorazione della cute. Per evitare di colorare anche la pelle delle mani si consiglia di utilizzare un paio di guanti.
*I tempi riportati sono indicativi e possono variare a seconda delle esigenze personali e del prodotto utilizzato.

PERCHÉ È IMPORTANTE CHE I CAPELLI SIANO PULITI?
Il capello deve essere pulito perché lo sporco ed il sebo creano una patina isolante ed impermeabile alla complessazione dei pigmenti tintori con la cheratina del capello. E’ un principio chimico/fisico: la cheratina del capello ha prevalentemente una carica elettrica di segno negativo (anionica) mentre lo sporco ed il pulviscolo circolante una carica positiva (cationica).
La difformità di cariche stabilisce il legame fra i due, che solo il detergente utilizzato per la pulizia riesce ad emulsionare e togliere, liberando le cariche del capello. Tenere sempre ben presente che una seconda passata di shampoo (nell’uso quotidiano) va ad agire su una cheratina già liberata dallo sporco, per cui le fibre del capello vanno a caricarsi di ulteriore anionicità e da qui il passo è breve perché si formi elettricità statica. La formazione di schiuma si ha nel momento in cui il detergente, terminata la sua azione primaria di pulizia, lega con l’ossigeno presente nell’aria, forma la bolla di sapone ed interviene in maniera drastica e deleteria sul mantello idro-lipidico. Si deve considerare che le creme o balsami utilizzati dopo lo shampoo al contrario sono cationici (una sorta di “sporco”), e servono proprio per annullare l’elettricità formatasi sul capello e ricreare una situazione neutra.

Una volta trascorso il tempo necessario, risciacquare accuratamente prima con sola acqua calda e poi effettuare una leggera passata di shampoo fintanto che l’acqua non presenti più residui colorati. Se necessario terminare il risciacquo con l’applicazione di un balsamo nutriente.

Una volta terminato il risciacquo, procedere con la normale asciugatura e messa in piega.
Consiglio: per ultimare il trattamento si consiglia l’utilizzo di una lacrima di olio sulle punte.
OLI E BURRI IN PASTELLA?
Alcune persone, che non amano il “profumo” delle erbe o per ottenere capelli più morbidi, aggiungono nella prepazione della pastella riflessante: oli essenziali, olio di Jojoba, Argan, cere, burri, maschere impacco, ecc. Niente di più sbagliato!
Oli e burri schermano il capello ai pigmenti di colore, cioè filmano il capello e compromettono l’azione tintoria/riflessante. Ciò non significa che non si otterrà necessariamente una riflessatura, ma che di sicuro l’azione tintoria non riesce ad esplicarsi al pieno delle sue potenzialità. Il consiglio è: niente oli di alcun tipo né nella pastella, né sui capelli prima dell’applicazione delle polveri (anzi per un risultato ottimale è consigliabile applicare la pastella su capelli già detersi). L’olio è ideale invece solo e soltanto dopo il trattamento riflessante; è infatti un ottimo prodotto per la morbidezza e la salubrità della chioma, oltre che un utile agente nella chiusura le squame del capello, per mantenere al meglio il pigmento vegetale al suo interno.

LE NOSTRE CERTIFICAZIONI

Certificazioni

I NOSTRI PRODOTTI

Shop

DOVE TROVARCI

Contatti